Newsletter > News24 In archivio
 
Inserisci il testo da ricercare nei documenti elencati
12345678
 

Newsletter News24 novembre 2020
  del 19/11/2020    

La newsletter del mese di novembre 2020
 

Newsletter News24 ottobre 2020
  del 12/10/2020    

La newsletter del mese di ottobre 2020
 

Newsletter News24 Settembre 2020
  del 07/09/2020    

La newsletter del mese di settembre 2020
 

Newsletter News24 Luglio 2020
  del 07/07/2020    

La newsletter del mese di luglio 2020
 

Newsletter News24 Giugno 2020
  del 15/06/2020    

La newsletter del mese di giugno 2020
 

Newsletter News24 Maggio 2020
  del 05/05/2020    

La newsletter del mese di maggio 2020
 

Newsletter News24 Aprile 2020
  del 18/04/2020    

La newsletter del mese di aprile 2020
 

Newsletter News24 Marzo 2020
  del 06/04/2020    

La newsletter del mese di marzo 2020
 

Newsletter News24 Febbraio 2020
  del 11/02/2020    

NEWS E APPROFONDIMENTI

  • Sicurezza e reddito di cittadinanza
    BENEFICIARI REDDITO DI CITTADINANZA, POLIZZA ASSICURATIVA CONTRO GLI INFORTUNI INAIL OBBLIGATORIA NEI PUC
    L’Inail ha stabilito che i soggetti beneficiari del Reddito di Cittadinanza impegnati dai Comuni in Progetti Utili alla Collettività, i cosiddetti Puc, devono essere assicurati contro gli infortuni e le malattie professionali. E’ quanto stabilito nella Determina n. 3/2020 dell’Inail, approvata dal Ministero del lavoro con il Decreto n. 5/2020 (in attesa di registrazione alla Corte dei Conti). La polizza assicurativa contro gli infortuni sul lavoro e le malattie obbligatoria ha un costo per i titolari di Reddito di Cittadinanza tenuti a partecipare ai Puc.
    (Alberto Giordano, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Tecnici24”, 27 gennaio 2020)

  • Sicurezza ed antincendio
    MILLEPROROGHE, SPUNTA IL DIFFERIMENTO PER L'ADEGUAMENTO ANTINCENDIO DELLE STRUTTURE RICETTIVE
    descCon l’emanazione del D.L. 30 dicembre 2019, n. 162, recante “Disposizioni urgenti in materia di proroga di termini legislativi, di organizzazione delle pubbliche amministrazioni, nonché di innovazione tecnologica”, meglio conosciuto anche come “decreto Milleproroghe”, il Governo è intervenuto su più fronti, tra cui anche quello HSE, stabilendo da un lato il differimento del termine previsto per l’adeguamento di alcune strutture recettive turistico - alberghiere e per godere del cd. “bonus verde”, e dall’altro introducendo una nuova disciplina sulla Banca dati informatizzata delle verifiche gestita dall’INAIL. rizione
    (Mario Gallo, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Sicurezza24”, 22 gennaio 2020)

  • Sicurezza e studi professionali
    NEGLI STUDI PROFESSIONALI SICUREZZA SEMPLIFICATA SOLO TRAMITE ACCORDO E DECRETO
    Perdono pezzi per strada le disposizioni di legge per lo snellimento del quadro normativo in materia di sicurezza da parte dei lavoratori autonomi, con relativa semplificazione delle procedure e degli adempimenti. Non basta, dunque, creare la “leggi di intenti” per modificare e alleggerire i vari iter burocratici a carico degli operatori, quando poi non si realizza l'intesa.
    (Luigi Caiazza, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Lavoro”, 21 gennaio 2020)

  • Sicurezza e sanzioni
    IL DATORE DI LAVORO NON FORMATO NON È SANZIONABILE
    descriziIl datore di lavoro che faccia personalmente uso di attrezzature di lavoro che per il loro impiego richiedono conoscenze particolari mediante formazione, informazione e addestramento adeguati non è sanzionabile penalmente se non rispetta tale obbligo. Con tale parere si è espressa la Commissione ministeriale per gli interpelli in materia di salute e sicurezza sul lavoro con l'interpello 1/2020. one
    (Luigi Caiazza, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Lavoro”, 29 gennaio 2020)

  • Sicurezza e giurisprudenza – 1
    LA NOTIFICA DEL VERBALE ISPETTIVO È VALIDA ANCHE SE IL DATORE È ASSENTE
    La notifica del verbale ispettivo al datore di lavoro per violazione di norme antinfortunistiche può avvenire anche a mezzo del servizio postale e, qualora la raccomandata non venga consegnata per l'assenza del destinatario e di altra persona abilitata a riceverla, si perfeziona per compiuta giacenza.
    (Angelina Turco, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Lavoro”, 3 febbraio 2020)

  • Sicurezza e giurisprudenza - 2
    DATORE DI LAVORO COLPEVOLE PER IL MOBBING ORIZZONTALE SOLO SE INFORMATO
    Il lavoratore che subisce il cosiddetto mobbing orizzontale (cioè, quello attuato da colleghi che abbiano livello e mansioni equiparabili al proprio) non ha diritto al risarcimento da parte del datore di lavoro se quest'ultimo dimostra di non essere stato a conoscenza degli atti persecutori posti in essere dai propri dipendenti.
    (Giulia Bifano e Massimiliano Biolchini, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Lavoro”, 31 gennaio 2020)

  • Sicurezza e giurisprudenza - 3
    PRASSI DI LAVORO CONTRA LEGEM, RUOLO ATTIVO DEL PREPOSTO E DOVERE D'INTERVENTO DEL DATORE DI LAVORO
    Con la sentenza 17 gennaio 2020, n. 1683, la S.C. di Cassazione, sez. IV (Pres. Piccialli; Rel. Esposito), ha affrontato un nodo oggi diventato particolarmente delicato, dopo la riforma operata dal D.Lgs. n.81/2008: il ruolo attivo del preposto e il dovere d’intervento del datore di lavoro, anche mediante l’adozione di provvedimenti disciplinari, qualora all’interno dei luoghi di lavoro siano adottate da parte dei lavoratori delle procedure di lavoro scorrette.
    (Mario Gallo, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Sicurezza24”, Edizione del 21 gennaio 2020, n. 2)

  • Sicurezza e giurisprudenza - 4
    IL SINDACO DEVE ORDINARE LA RIMOZIONE DELL’AMIANTO ABBANDONATO VICINO ALLE CASE
    Provoca allarme negli edifici vicini la presenza in ambito urbano di depositi incontrollati di materiale abbandonato contenente amianto. L'art. 255 del dlgs n. 152/2006 sanziona in via amministrativa l'abbandono di rifiuti pericolosi e l'art. 1 della legge n. 257/1992 vieta l'estrazione, l'importazione, la commercializzazione e la produzione di amianto o di prodotti contenenti amianto.
    (Giulio Benedetti, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Condominio”, 3 febbraio 2020)

  • Sicurezza e giurisprudenza - 5
    MEMBRI DEL CDA RESPONSABILI IN CASO DI INFORTUNIO, SALVO FORMALE ATTO DI DELEGA
    La Corte di cassazione, con sentenza n. 54, depositata il 3 gennaio 2020, è tornata a esprimersi sulla distribuzione delle responsabilità in materia di obblighi di prevenzione infortuni nelle società di capitali. Esprimendo un principio generale, la Corte ha prima di tutto evidenziato che nelle società di capitali gli obblighi inerenti alla prevenzione degli infortuni posti dalla legge a carico del datore di lavoro «gravano indistintamente su tutti i componenti del consiglio di amministrazione, salvo il caso di delega, validamente conferita, della posizione di garanzia».
    (Alberto De Luca e Luca Cairoli, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Lavoro”, 14 gennaio 2020)

  • Sicurezza e regole
    SICUREZZA SUL LAVORO, REGOLE PUNTUALI A GARANZIA DELLA SALUTE
    L'ultima affermazione di principio, in ordine di tempo, è arrivata nella vicenda Ilva con l'ordinanza del Tribunale di Taranto, resa pubblica lo scorso 7 gennaio, che ha autorizzato la proroga della facoltà d'uso dell'altoforno 2.
    (Claudio Tucci, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano di Edilizia e Territorio”, 29 gennaio 2020)

  • Sicurezza in condominio
    RESPONSABILITÀ DELL’AMMINISTRATORE PER L’ASCENSORE IN USO SENZA COLLAUDO
    La normativa sugli ascensori negli ultimi venti anni è stata caratterizzata dall'introduzione di regole precise e complesse, che prescrivono obblighi specifici a carico dell'amministratore di condominio, in qualità di legale rappresentate dei proprietari.
    (Michele Orefice, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Condominio”, 21 gennaio 2020)

  • Sicurezza e sanità
    VIOLENZA CONTRO I SANITARI, LE TELECAMERE NON BASTANO. LA RICETTA DEGLI PSICOLOGI GUARDA A ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E FORMAZIONE FGTAWTW
    Sicuri sul lavoro? No, nemmeno nei luoghi in cui si va per avere una cura, come gli ospedali. Le cronache di inizio anno riportano già molti casi di aggressioni gravi al personale sanitario, mentre nel 2019 sono stati più di 1.000 i medici che hanno esposto denuncia per aggressioni fisiche e verbali, di cui l’80% si è verificato ai danni degli operatori dei Pronto Soccorso.
    (Il Sole 24 ORE – – Estratto da “Quotidiano Sanità”, 14 gennaio 2020)

  • Sicurezza e nuovi lavori
    DAL 1° FEBBRAIO PARTE LA TUTELA ASSICURATIVA PER I RIDERS
    Il decreto-legge 3 settembre 2019, n. 101, recante disposizioni urgenti per la tutela del lavoro e per la risoluzione di crisi aziendali, convertito in legge 2 novembre 2019, n. 128, ha modificato la disciplina che equipara taluni rapporti di collaborazione ai rapporti di lavoro subordinato contenuta nel decreto legislativo n. 81/2015 ed ha inoltre previsto una specifica disciplina per i rapporti di lavoro dei cd. riders.
    (Antonio Carlo Scacco, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Lavoro”, 27 gennaio 2020)

L'ESPERTO RISPONDE


 

Newsletter News24 Gennaio 2020
  del 14/01/2020    

EVENTI DELLA FONDAZIONE

LA FONDAZIONE INCONTRA LE AZIENDE CISAMBIENTE
Roma, Viale Pasteur, 6
MARTEDI' 11 FEBBRAIO 2020 ALLE ORE 11:00


NEWS E APPROFONDIMENTI

  • Sicurezza e tirocini professionali
    PROFESSIONISTI, TIROCINI ALL’ESTERO CON TETTO DI SEI MESI E OBBLIGO DI PRESENZA
    Un tetto massimo di sei mesi e l’obbligo di presenza fisica. Sono i principali requisiti che gli aspiranti professionisti devono rispettare se vogliono svolgere un tirocinio all’estero e vederselo poi riconosciuto ai fini della “pratica” complessiva prevista per l’accesso alla professione.
    (Eugenio Bruno, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Lavoro”, 6 gennaio 2020)

  • Sicurezza e prevenzione
    SICUREZZA SUL LAVORO, DALL’INAIL 251 MILIONI PER LA PREVENZIONE
    Ammontano a più di 251 milioni (251.226.450 euro) le risorse a fondo perduto erogate dall’Inail per la prevenzione sui luoghi di lavoro con il nuovo Bando Isi 2019, presentato a Roma. Si tratta di una somma inferiore rispetto ai circa 370 milioni del bando precedente, ma in quel caso erano stati utilizzati anche i residui delle edizioni precedenti.
    (Mauro Pizzin, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Lavoro”, 20 dicembre 2019)

  • Sicurezza e settori lavorativi
    SICUREZZA SUL LAVORO, L'INTESA TRA INAIL E FEDERCHIMICA PER UNA MIGLIORE PERFORMANCE NEL CAMPO DELLA SAFETY
    Con provvedimento del 10 dicembre 2019, n. 20, l'Inail ha approvato l'importante Protocollo d'intesa con la Federazione nazionale dell'Industria chimica (Federchimica), per la promozione di attività finalizzate alla tutela della salute e sicurezza dei lavoratori e alla diffusione della cultura della sicurezza.
    (Mario Gallo, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Lavoro”, 23 dicembre 2019)

  • Sicurezza e comunicazioni
    COMUNICAZIONE OBBLIGATORIA ALL’INAIL DEI DATI SANITARI, I CHIARIMENTI DEL MINISTERO
    Con l'interpello del 16 dicembre 2019, n. 8, il ministero del Lavoro ha fornito alcuni importanti chiarimenti in materia di obbligo di presentazione all'Inail della comunicazione annuale dei dati relativi alla sorveglianza sanitaria svolta sui lavoratori nell'anno precedente.
    (Mario Gallo, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Lavoro”, 18 dicembre 2019)

  • Sicurezza e giurisprudenza – 1
    CANTIERI, RESPONSABILITÀ DEL DIRETTORE SE MANCA IL COORDINATORE ALLA SICUREZZA
    La Cassazione ha stabilito che il direttore risponde dell’infortunio subito dal lavoratore qualora gli venga affidato il compito di sovrintendere all'esecuzione dei lavori e impartisca ordini. Massima attenzione alla regolamentazione delle nomine dei soggetti responsabili e al rispetto delle competenze per chi opera in cantieri temporanei o mobili.
    (Gabriele Taddia, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Lavoro”, 30 dicembre 2019)

  • Sicurezza e giurisprudenza – 2
    INFORTUNIO SUL LAVORO E RISARCIMENTO DEL DANNO
    Nel caso in esame il datore di lavoro veniva condannato in primo grado al pagamento di una somma pari a 167.290 euro a titolo di risarcimento del danno subito da uno dei suoi dipendenti a seguito di infortunio sul lavoro. È questo uno dei principi espressi dalla Corte di cassazione, Sezione Lavoro, con la sentenza n. 30679/2019 del 25 novembre scorso.
    (Elio Cherubini, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Guida al Lavoro”, Edizione del 20 dicembre 2019, n. 50, pag. 31)

  • Sicurezza e giurisprudenza - 3
    VIDEOSORVEGLIANZA, L'OK DEI LAVORATORI NON SOSTITUISCE LA GARANZIA DEL SINDACATO E L'ISPETTORATO
    Il consenso collettivo o individuale dei dipendenti non può legittimare a posteriori la presenza in azienda di strumenti di videosorveglianza se il datore di lavoro li ha installati in violazione delle prescrizioni dello Statuto dei lavoratori, cioè senza consultazione e accordo con le rappresentanze sindacali o senza l'autorizzazione dell'Ispettorato del Lavoro provinciale.
    (Paola Rossi, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Diritto”, 18 dicembre 2019)

  • Sicurezza e giurisprudenza - 4
    SICUREZZA SUL LAVORO IN CASO DI MANEGGIO DI DENARO
    Nel caso di specie, il Tribunale rigettava il ricorso promosso dagli eredi della lavoratrice che avevano agito in giudizio per richiedere un risarcimento del danno alla società, essendo una dipendente con mansioni di custode rimasta aggredita ed uccisa da ignoti durante il turno di notte. Per la Cassazione l'adozione di particolari misure di sicurezza va valutata anche con riferimento alle condizioni lavorative.
    (Elio Cherubini, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Guida al Lavoro”, Edizione del 13 dicembre 2019, n. 49, pag. 38)

  • Sicurezza e giurisprudenza - 5
    DA PROVARE LA COLPA DI PRASSI SCORRETTE
    La società non risponde di cooperazione nel reato di lesioni gravissime, per la violazione sistematica delle norme sulla sicurezza lavoro, se manca la prova di una prassi contro la legge instaurata nell’azienda. La Cassazione, accoglie il ricorso di una Srl, per aver trasgredito le norme in materia di sicurezza, concorrendo a determinare un grave incidente
    (Patrizia Maciocchi, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Lavoro”, 10 dicembre 2019)

  • Sicurezza e giurisprudenza - 6
    SANATORIA DEGLI ILLECITI: IL TERMINE DI PAGAMENTO NON È PROROGATO AL PRIMO GIORNO NON FESTIVO SE SCADE DI SABATO
    In materia di sanatoria degli illeciti contravvenzionali, prevista dall’istituto della prescrizione, al termine perentorio di cui all'art. 21, c. 2, del D.Lgs. n. 758 del 1994, deve applicarsi la disciplina prevista dall'art. 172, c. 2, cod.proc.pen., comportando il differimento della scadenza al giorno successivo solo quando detto termine cada di giorno festivo, giorno festivo nel quale non è ricompreso il sabato.
    (Mario Gallo, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Cantieri24”, Edizione del 27 novembre 2019 2019)

  • Sicurezza in edilizia
    AL VIA LO SGRAVIO CONTRIBUTIVO IN EDILIZIA PER IL 2019
    Anche per il 2019, le aziende del settore edile possono inoltrare all’INPS richiesta telematica per accedere al beneficio nella misura dell'11,5%. L’INPS ha infatti emanato la circolare n. 145 del 28 novembre 2019, fornendo le relative istruzioni operative dopo la pubblicazione del D.M. 24 settembre 2019.
    (Pietro Gremigni, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Tecnici24”, 9 dicembre 2019)

  • Sicurezza e management
    MANAGER HSE, AL DECOLLO IL NUOVO SISTEMA DI CERTIFICAZIONE DI ACCREDIA
    La figura del RSPP nel corso degli ultimi anni sta mutando progressivamente “pelle”, pur di fronte ad una sostanziale stabilità normativa, per effetto delle nuove dinamiche che interessano le problematiche aziendali legate non solo alla salute e la sicurezza sul lavoro ma anche all’ambiente. In particolare, a partire dalla riforma operata dal D.Lgs. n.81/2008, sono aumentati notevolmente gli adempimenti gestionali mentre, dall’altro, è diventato sempre più importante avere una visione strategica e operativa integrata di questi due mondi così intimamente interconnessi.
    (Mario Gallo, Il Sole 24 ORE – – Estratto da “Sicurezza24”, Edizione del 12 dicembre 2019)

  • Sicurezza e segnalazione infortuni
    OMESSA DENUNCIA D’INFORTUNIO, RAPPORTO ALL’ISPETTORATO COMPETENTE CON RIFERIMENTO AL DOMICILIO ASSICURATO
    In base all'articolo 17, comma 5, della legge n. 689/1981, i rapporti relativi alle fattispecie illecite di natura formale previste all'articolo 53 del Dpr n. 1124/1965, quale l'omessa o tardiva denuncia di infortunio all'Inail, devono essere inoltrati alla sede dell'Ispettorato territoriale del lavoro nel cui ambito è individuata la sede Inail competente a ricevere e ad accertare tali denunce, ovvero quella del domicilio dell'assicurato.
    (Antonella Iacopini, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Lavoro”, 4 dicembre 2019)

L’ESPERTO RISPONDE


 
12345678