Newsletter >
Newsletter News24 6/2017

NEWS E APPROFONDIMENTI

  • Controlli e verifiche
    PROROGA DI 120 GIORNI PER LA VERIFICA DELLE ATTREZZATURE
    L'effettuazione delle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro, adottate con decreti direttoriali del 21 maggio 2012 e 30 luglio 2012, in scadenza rispettivamente al 21 maggio 2017 e al 30 luglio 2017, è provvisoriamente rinnovata per un periodo non superiore a centoventi giorni dalle rispettive scadenze.
    (Pietro Gremigni, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Lavoro”, 23 maggio 2017)
  • Alternanza scuola-lavoro – 1
    ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO, PERCORSI «PROTETTI»
    Per la tutela della salute e della sicurezza, lo studente che inizia un percorso di alternanza scuola-lavoro in un’azienda è equiparato in tutto e per tutto a un lavoratore. Le imprese hanno dunque precisi obblighi da rispettare, che è bene ripercorrere prima di accogliere gli studenti per questo tipo di esperienze.
    (Gabriele Taddia, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Lavoro”, 22 maggio 2017)
  • Alternanza scuola-lavoro – 2
    L’IMPRESA RISCHIA LA RIVALSA DELL’INAIL
    L’azienda che ospita studenti in percorso di alternanza scuola-lavoro è soggetta alle sanzioni previste per le violazioni degli obblighi sulla sicurezza previsti a carico del datore di lavoro. Anche il dirigente scolastico è tenuto ad alcuni adempimenti fondamentali, in assenza dei quali potrà essere ritenuto responsabile di eventuali infortuni, in proprio o in concorso con il datore di lavoro ospitante.
    (Gabriele Taddia, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Lavoro”, 22 maggio 2017)
  • Sicurezza e giurisprudenza – 1
    I TELEFONI CELLULARI AZIENDALI IN SERVIZIO AL DIPENDENTE
    Con una recentissima sentenza (Cfr. 30 marzo 2017, n. 96) il Tribunale di Ivrea ha riconosciuto il nesso causale tra tumore e uso di telefoni cellulari e, in conseguenza, ha condannato l’Inail a corrispondere una rendita perpetua per il danno sul lavoro subito dal dipendente.
    (Pierpaolo Masciocchi, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Sicurezza24”, 18 maggio 2017)
  • Sicurezza e giurisprudenza – 2
    INFORTUNIO CON RESPONSABILITÀ DIFFERENZIATA
    In caso di infortunio sul lavoro in regime di appalto, il datore di lavoro deve provare di aver fatto tutto quanto per evitarlo, mentre nei confronti del committente c’è solo una responsabilità extracontrattuale.
    (Giulia Spalazzi, Massimiliano Biolchini, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Norme & Tributi”, 10 maggio 2017)
  • Sicurezza in mare
    PERSONALE MARITTIMO: AL VIA I NUOVI CORSI ANTINCENDIO
    Con decreto 2 maggio 2017 (Cfr. Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2017) il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha definito le modalità per l’organizzazione e l’erogazione dei corsi di addestramento antincendio di base (Fire Prevention and fire fighting) e antincendio avanzato (Advanced training in fire fighting) per il personale marittimo, nonché l'organizzazione antincendio a bordo delle navi petrolierie, chimichiere e gasiere.
    (Pierpaolo Masciocchi, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Tecnici24”, 16 maggio 2017)
  • Sicurezza e responsabilità
    LA RESPONSABILITÀ DATORIALE NEI CASI DI ERRORE DEL DIPENDENTE
    La responsabilità del datore di lavoro in caso di infortunio del lavoratore provocato dal suo stesso errore può essere esclusa soltanto se il soggetto pone in essere una condotta anormale, inopinabile, esorbitante dal procedimento di lavoro cui è addetto ed incompatibile con il sistema di lavorazione oppure si concreti nell’inosservanza da parte sua, di precise disposizioni antinfortunistiche e degli ordini particolari ricevuti ovvero abbia eseguito il lavoro in modo difforme da quello prescritto.
    (Pierpaolo Masciocchi, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Sicurezza24”, 4 maggio 2017)
  • Sicurezza, sorveglianza e controllo
    LA VIDEOSORVEGLIANZA DEI CANTIERI E I CONTROLLI SUI LAVORATORI
    La modifica dell'articolo 4 dello statuto dei lavoratori (legge 20 maggio 1970, n. 300) a mezzo dell'art. 23 del D.Lgs. 151/15 (cosiddetto Jobs Act) ha eliminato il divieto assoluto e imperativo in ordine all’utilizzo dei controlli a distanza dei lavoratori (per quanto attutito dalle disposizioni del comma 2 del medesimo articolo, che riconosceva il carattere della liceità agli impianti e le apparecchiature di sicurezza che fossero “richiesti da esigenze organizzative e produttive ovvero della sicurezza del lavoro”), introducendo un diverso concetto, più in linea con le esigenze aziendali e le disponibilità tecnologiche attuali.
    (Pierpaolo Masciocchi, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Cantieri24”, 4 maggio 2017)
  • Ispettorato Nazionale del Lavoro
    ISPETTORI OPERATIVI OLTRE IL TERRITORIO DI COMPETENZA
    Gli ispettori del lavoro possono svolgere accertamenti ed emanare provvedimenti sanzionatori anche nei confronti di realtà datoriali situate fuori dal territorio di competenza dell’ufficio di appartenenza.
    (Luigi Caiazza e Roberto Caiazza, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Lavoro”, 30 maggio 2017)

L’ESPERTO RISPONDE

RASSEGNA DI NORMATIVA

EVENTI DELLA FONDAZIONE