Notizie ed eventi > News In archivio
Inserisci il testo da ricercare nei documenti elencati
 

BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN “MODELLI DI ORGANIZZAZIONE PER LA PREVENZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI VITA E DI LAVORO PRIVATI E PUBBLICI - SAFETY MANAGEMENT”
  del 24/05/2017    

Dipartimento di Economia Marco Biagi
Prot. n. 449 del 05/05/2017

BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN
“MODELLI DI ORGANIZZAZIONE PER LA PREVENZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI
VITA E DI LAVORO PRIVATI E PUBBLICI - SAFETY MANAGEMENT”

(FREQUENZA IN PRESENZA E A DISTANZA FAD)

1^ EDIZIONE - Anno Accademico 2016/2017


 

Corsi di aggiornamento per ASPP/RSPP
  del 24/05/2017    (protocollo n.100-2017)

Si comunica alle aziende aderenti che la scrivente Fondazione ha organizzato i seguenti corsi di formazione finalizzati all’aggiornamento di ASPP e RSPP:

- Roma 12/06/2017 Centro Congressi “Roma Trevi”, P.za della Pilotta 4
- Milano 28/06/2017 Confservizi CISPEL Lombardia, Strada 4, Palazzo Q7 – Rozzano MI

I corsi in oggetto, la cui partecipazione è gratuita, si svolgeranno con orario 9-13 14-18.

 

Corso di aggiornamento per formatori sicurezza
  del 23/05/2017    (protocollo n.99-2017)

Si comunica alle aziende aderenti che, come ogni anno, al fine del mantenimento dei requisiti previsti dal Decreto Interministeriale del 6 marzo 2013, la scrivente Fondazione organizza un corso di aggiornamento per formatori, Area tecnica, che si terrà a Roma, c/o il Centro Congressi “Roma Trevi”, P.za della Pilotta 4, il giorno 6 giugno p.v., dalle ore 9.00 alle ore 18.00.

Si informano le aziende aderenti che la partecipazione al corso è gratuita.

 

Corsi di aggiornamento per preposti e dirigenti
  del 12/05/2017    (protocollo n.89-2017)

In ottemperanza a quanto previsto dal D.Lgs 81/2008 e dall’Accordo Stato Regioni del 21/12/2011, e in considerazione delle richieste pervenute da parte delle aziende aderenti, la Fondazione Rubes Triva ha organizzato due corsi di aggiornamento per preposti e dirigenti.

I corsi, della durata di 6 ore, saranno erogati gratuitamente e si terranno secondo il seguente calendario:

BOLZANO – V.le Druso, 1
31/05/17 10.00-13.00 14.00-17.00
01/06/17 10.00-13.00 14.00-17.00


Per iscriversi è necessario collegarsi al sito della Fondazione www.fondazionerubestriva.it ed effettuare l’accesso al Portale dei Corsi e del Libretto Formativo del Lavoratore dal menu Formazione. Se non siete ancora in possesso delle credenziali di accesso, nella stessa pagina del sito, troverete le modalità per ottenerle scegliendo la vostra tipologia di utenza. Per eventuali inconvenienti o problematiche potete inviare un email a info@fondazionerubestriva.it

Al termine del corso, sarà rilasciato ai partecipanti un attestato, previa verifica valutativa finale obbligatoria dell’apprendimento.

 

Newsletter News24 5/2017
  del 04/05/2017    

NEWS E APPROFONDIMENTI

  • Controlli e obblighi - 1
    PER GEOLOCALIZZARE LA FLOTTA AZIENDALE OCCORRE L'ACCORDO SINDACALE
    L'articolo 4 della legge 20 maggio 1970, n. 300, come prima sostituito dall'art. 23 del D.Lgs. 14 settembre 2015, n. 151, e poi modificato dall'art. 5 del D.Lgs. 24 settembre 2016, n. 185, in sostanza dispone quanto segue…
    (Alberto Bosco, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Lavoro”, 27 aprile 2017)
  • Controlli e obblighi - 2
    GESTIONE DIFFERENZIATA DEI DATI GPS
    Dopo l’Ispettorato nazionale del lavoro, anche il Garante della privacy prende posizione sulle procedure da seguire per l’installazione di dispositivi di geolocalizzazione sui veicoli aziendali, affermando la necessità di un accordo sindacale o, in sua assenza, dell’autorizzazione dell’Ispettorato e precisando che i dati raccolti vanno gestiti in modo differenziato in base alle loro caratteristiche.
    (Aldo Bottini, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Lavoro”, 28 aprile 2017)
  • Controlli e obblighi - 3
    NEI MODELLI DI AUTORIZZAZIONE UNA LIMITAZIONE AI CONTROLLI
    A poche settimane di distanza dalla prima pubblicazione (avvenuta il 10 marzo), l’Ispettorato nazionale del lavoro ha aggiornato i modelli di istanza di autorizzazione all’installazione di sistemi di sicurezza, organizzazione e protezione del patrimonio che consentono anche il controllo a distanza dell’attività degli addetti, in base al comma 1 del nuovo articolo 4 dello Statuto dei lavoratori.
    (Aldo Bottini, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Norme & Tributi”, 13 aprile 2017)
  • Sicurezza stradale
    LA SEVERITÀ NON È A SENSO UNICO
    L’Anas aveva presentato ricorso contro la circolare del ministero dell’Interno sull’omicidio stradale per impedire condanne troppo severe per il proprio personale: le pene previste per il nuovo reato sono ben più severe – anche nell’ipotesi non aggravata prevista dall’articolo 589-bis, comma 1, del Codice penale - di quelle previste per l’omicidio colposo. Il primo è punito con la reclusione da 2 a 7 anni, il secondo da 6 mesi a 5 anni.
    (Guido Camera, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Diritto”, 4 aprile 2017)
  • Sicurezza e costruzioni
    LA SICUREZZA NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI
    Firmato il 30 marzo un Protocollo d'Intesa tra il Consiglio Nazionale degli Ingegneri e l'Ance (Associazione Nazionale Costruttori Edili); obbiettivo dell'accordo è stabilire un sistema di rapporti tra i due organismi in materia di salute e sicurezza sul lavoro nel settore delle costruzioni, per promuovere la formazione degli attori coinvolti e il reciproco scambio di informazioni e la collaborazione per iniziative comuni; in più il Protocollo, è volto a favorire analoghe intese tra le parti, anche negli organismi associativi presenti a livello territoriale, sia di ANCE che del CNI.
    (Il Sole 24 ORE – Estratto da “Tecnici 24”, 10 aprile 2017)
  • Sicurezza e autotrasporto
    GLI ADEMPIMENTI DI SICUREZZA NEL SETTORE DELL'AUTOTRASPORTO
    Numerosi sono i dubbi interpretativi che sorgono sul tema degli adempimenti di sicurezza nel settore dell’autotrasporto. Si tratta infatti, di un settore peculiare ove il lavoro viene svolto da un addetto in totale autonomia, non è soggetto a sovrintendenza di un preposto, è isolato da altri lavoratori e, in generale, viene realizzato all’esterno del sito dell’azienda cui il lavoratore appartiene.
    (Pierpaolo Masciocchi, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Sicurezza24”, 6 aprile 2017)
  • Sicurezza e sanità
    LA FIGURA DEL DIRETTORE SANITARIO
    La figura giuridica del direttore sanitario è quella di responsabile del regolare espletamento dell’attività sanitaria all’interno della struttura, nel completo rispetto delle norme di legge. Egli è tenuto a rispondere personalmente dell’organizzazione tecnica e funzionale dei servizi e del possesso dei prescritti titoli professionali da parte del personale che ivi opera, atteso che grava sul medesimo un onere di sorveglianza e governo della struttura.
    (Pierpaolo Masciocchi, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Sicurezza24”, 6 aprile 2017)
  • Sicurezza e smart working - 1
    SMART WORKING IN PIENA PARITÀ
    Parità di trattamento economico e normativo; rispetto dei tempi di riposo; diritto alla disconnessione; piena tutela assicurativa contro infortuni e malattie professionali (dipendenti da rischi connessi alla prestazione lavorativa resa all’esterno dei locali aziendali).
    (Claudio Tucci, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Impresa e Territori”, 26 aprile 2017
  • Sicurezza e smart working - 2
    STRUMENTO INNOVATIVO MA RESTA IL NODO SICUREZZA
    L’approvazione definitiva della legge sullo smart working potrebbe agevolare il processo di grande cambiamento che sta attraversando l’organizzazione del lavoro. Questo processo rende sempre più marginali e secondari il tempo e il luogo di svolgimento della prestazione, mentre fa crescere prepotentemente l’importanza degli obiettivi assegnati e conseguiti.
    (Giampiero Falasca, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Primo Piano”, 10 aprile 2017)
  • Sicurezza e giurisprudenza - 1
    RECESSO VALIDO PER CHI ISTIGA A VIOLARE LE NORME DI SICUREZZA
    Con la sentenza n. 7338/2017 la Cassazione si è pronunciata in modo esemplare sulla legittimità del licenziamento disciplinare inflitto ad un responsabile della produzione che aveva adibito i propri sottoposti ad attività lavorative in violazione delle procedure di sicurezza adottate dalla Società, addirittura indicando loro le concrete modalità per eludere tali procedure, esponendo così i lavoratori al rischio di infortuni.
    (Massimiliano Biolchini e Giulia Spalazzi, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Diritto” 7 aprile 2017
  • Sicurezza e giurisprudenza - 2
    LAVORATRICE DISABILE E SORVEGLIANZA SANITARIA
    Lavoratrice disabile - Sorveglianza sanitaria - Inidoneità alla mansione - Rifiuto di adempiere mansioni incompatibili con il suo stato - Legittimità
    (Elio Cherubini, Toffoletto De Luca Tamajo e Soci, Il Sole 24 ORE – Estratto da “Quotidiano del Lavoro”, 1 maggio 2017)

L’ESPERTO RISPONDE

RASSEGNA DI NORMATIVA

 

Sorveglianza sanitaria. Elaborazione dati nazionali del settore igiene ambientale.
  del 21/03/2017    

Come è noto il concetto di sorveglianza sanitaria ha registrato un’importante evoluzione a seguito dell’introduzione del D.lgs. 81/2008, così come sintetizzato all’art. 2, lett. m), trasformandosi in un monitoraggio sanitario imperniato sulla figura del lavoratore, in quanto soggetto esposto a rischi particolari di tipo individuale, nonché sull’intera popolazione lavorativa aziendale, esposta collettivamente, in un dato contesto ambientale e organizzativo, al rischio di malattie professionali o di infortuni...
 

Attività formativa 2017
  del 03/03/2017    (protocollo n.43-2017)

In adempimento al suo ruolo di organismo paritetico, la Fondazione Rubes Triva, sta programmando l’attività formativa per l’anno 2017.

Le sedi di svolgimento dei suddetti corsi, per venire incontro alle esigenze aziendali, previo raggiungimento di un numero minimo di iscritti, saranno definite in base al numero di richieste ricevute. A tal proposito si allega una scheda di riepilogo delle necessità formative con cui segnalare alla scrivente Fondazione la tipologia di corso richiesto e il numero delle persone da formare.

 

Newsletter News24 2/2017
  del 03/02/2017    

NEWS E APPROFONDIMENTI

  • Rapporto con gli Enti
    FOCUS DELL’ISPETTORATO SU PREVIDENZA E TUTELA ASSICURATIVA
    Decolla l’Ispettorato nazionale del lavoro (Inl), con un occhio rivolto in particolare alla vigilanza previdenziale e assicurativa. Questo è l’obiettivo che si intravede dalla lettura della circolare 2/2017 dell’Ispettorato che sembra voglia focalizzare gran parte dei controlli, grazie anche agli organi ispettivi dell’Inps e dell’Inail, secondo una programmazione che parte dai dati propri di questi due istituti.
    ((Luigi Caiazza e Roberto Caiazza, Il Sole 24 ORE – Quotidiano del Lavoro, 26 gennaio 2017)
  • Sicurezza e bandi - 1
    AMBIENTI DI LAVORO SANI E SICURI AD OGNI ETA'
    La Commissione europea e l'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (EU-OSHA) hanno lanciato, lo scorso 15 aprile 2016, la campagna paneuropea dal titolo "Ambienti di lavoro sani e sicuri ad ogni età".
    (Pierpaolo Masciocchi, Il Sole 24 ORE – Sicurezza24, 12 gennaio 2017)
  • Sicurezza e sistemi
    IL SISTEMA INFORMATIVO NAZIONALE PER LA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO (SINP)
    Il SINP è stato istituito al fine di fornire dati utili per orientare, programmare, pianificare e valutare l'efficacia della attività di prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali, relativamente ai lavoratori iscritti e non iscritti agli enti assicurativi pubblici, e per indirizzare le attività di vigilanza, attraverso l'utilizzo integrato delle informazioni disponibili negli attuali sistemi informativi, anche tramite l'integrazione di specifici archivi e la creazione di banche dati unificate.
    (Pierpaolo Masciocchi, Il Sole 24 ORE – Cantieri24, 12 gennaio 2017)
  • Sicurezza e bandi - 2
    BANDO ISI AGRICOLTURA 2016, L’INAIL PROROGA I TERMINI
    Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 6 del 9 gennaio 2017 il comunicato Inail che proroga i termini di scadenza dell'avviso Isi Agricoltura 2016 per il sostegno al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza nelle microimprese e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli.
    (Massimo Braghin, Il Sole 24 ORE – Quotidiano del Lavoro, 11 gennaio 2017)
  • Sicurezza amianto
    BONIFICA AMIANTO, ORA TOCCA AGLI EDIFICI PUBBLICI: DOMANDE DAL 30 GENNAIO
    Dopo quello per i capannoni, arriva il "click day" per la bonifica da amianto degli edifici pubblici. Il ministero dell'Ambiente ha appena pubblicato il bando con il quale definisce le modalità di assegnazione dei primi 5,5 milioni stanziati dal collegato ambientale per il recupero degli edifici contaminati. La procedura scatterà il prossimo 30 gennaio e andrà avanti fino al 30 marzo. Il denaro, fino a un massimo di 5,5 milioni, sarà dedicato solo alla progettazione preliminare e definitiva e sarà assegnato sulla base di una graduatoria unica nazionale, composta dal ministero e dall'Ispra.
    (Giuseppe Latour, Il Sole 24 ORE – Quotidiano Edilizia e Territorio, 26 gennaio 2017)
  • Sicurezza e prevenzione - 1
    COSA INSEGNA RIGOPIANO AGLI HR MANAGER, ALCUNI CONSIGLI OPERATIVI
    Quando avvengono gravi catastrofi si è sempre alla ricerca delle responsabilità, dei buchi nel sistema dei soccorsi o degli allarmi, di quello che si sarebbe potuto fare, e non è stato fatto, per prevenire il disastro.
    (Sergio Barozzi, Il Sole 24 ORE – Quotidiano del Lavoro, 27 gennaio 2017)
  • Sicurezza e prevenzione - 2
    RIGOPIANO, SPUNTI DI RIFLESSIONE SUL CAMBIO DI MANSIONI
    Una telefonata di allarme che non è stata presa sul serio, come rivelato dalle indagini, sembra essere uno degli elementi che ha aggravato il disastro dell'hotel Rigopiano. Ma che valore ha avuto quella telefonata sotto il profilo della responsabilità del lavoratore e dell'azienda?
    (Sergio Barozzi, Il Sole 24 ORE – Quotidiano del Lavoro, 27 gennaio 2017)
  • Sicurezza e normativa
    LO STATO DI APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULLA SICUREZZA SUL LAVORO
    L’anno che è appena terminato non si è certamente distinto per la rilevanza degli interventi legislativi sul tema della salute e sicurezza sul lavoro, almeno sotto il profilo della legislazione primaria. Pur tuttavia numerosi sono stati gli atti di adeguamento o di interpretazione del dettato normativo i quali, tutti, hanno innovato in misura significativa il panorama prevenzionale del nostro Paese.
    (Pierpaolo Masciocchi, Il Sole 24 ORE – Sicurezza24, 26 gennaio 2017)

L’ESPERTO RISPONDE

RASSEGNA DI NORMATIVA