Circolari > Informazione In archivio
Inserisci il testo da ricercare nei documenti elencati
 

Bando di concorso Premio Rubes Triva per migliori tesi in materia di salute e sicurezza sul lavoro
  del 25/08/2017    (protocollo n.180-2017)

La Fondazione Nazionale Sicurezza Rubes Triva indice un concorso riservato ai/alle dipendenti e ai loro figli delle aziende che applicano il CCNL del settore dell’Igiene Ambientale Utilitalia, per l’assegnazione di sei premi in denaro per l’importo di € 2.500 ciascuno, per le migliori tesi di laurea magistrale o di dottorato in materia di salute e sicurezza sul lavoro, discusse tra il 01.01.2014 e il 31.12.2017.

La domanda di partecipazione e i relativi allegati dovranno pervenire, a pena di esclusione, entro e non oltre le ore 24.00 del giorno 30 marzo 2018.

Per quanto riguarda i requisiti, la domanda, le modalità e altre informazioni utili e dettagliate per la partecipazione al concorso del Premio “Rubes Triva” edizione 2017, si rinvia all’allegato Regolamento del bando di concorso, che sarà pubblicato anche sul sito della Fondazione stessa.

 

Chiusura uffici per pausa estiva
  del 19/07/2017    (protocollo n.157-2017)

Si comunica che, in occasione delle ferie estive, gli uffici della scrivente Fondazione rimarranno chiusi dal giorno 7 al giorno 18 agosto p.v.
 

Chiusura uffici
  del 27/06/2017    (protocollo n.138-2017)

Si comunica che, in occasione della festività dei Santi Patroni di Roma Pietro e Paolo, gli uffici della scrivente Fondazione rimarranno chiusi nei giorni 29 e 30 giugno p.v..
 

Chiusura uffici
  del 14/04/2017    (protocollo n.2017-76)

Si comunica che, in occasione della festività del 25 aprile, gli uffici della Fondazione saranno chiusi anche nella giornata di lunedì 24 aprile.
 

Sorveglianza sanitaria. Elaborazione dati nazionali del settore igiene ambientale.
  del 21/03/2017    

Come è noto il concetto di sorveglianza sanitaria ha registrato un’importante evoluzione a seguito dell’introduzione del D.lgs. 81/2008, così come sintetizzato all’art. 2, lett. m), trasformandosi in un monitoraggio sanitario imperniato sulla figura del lavoratore, in quanto soggetto esposto a rischi particolari di tipo individuale, nonché sull’intera popolazione lavorativa aziendale, esposta collettivamente, in un dato contesto ambientale e organizzativo, al rischio di malattie professionali o di infortuni...
 

Gli oneri della sicurezza nel nuovo codice degli appalti.
  del 10/01/2017    (protocollo n.6-2017)

Con il nuovo codice degli appalti, D.Lgs. 50/2016, è diventato obbligatorio per l’operatore indicare immediatamente, in sede di predisposizione dell’offerta economica, i propri costi concernenti gli adempimenti delle disposizioni in materia di salute e sicurezza aziendale, anche se la stazione appaltante non ha indicato l’obbligo nei documenti di gara.

Il Tar Molise, sul punto, con sentenza n. 267/2016, pubblicata il 9 dicembre u.s., riguardante il ricorso presentato da un’impresa esclusa da una gara per non avere indicato con l’offerta gli oneri della sicurezza, ricorda che tale obbligo è stato chiarito “inequivocabilmente” all’art. 95, comma 10, del nuovo codice degli appalti. Per i giudici si tratta di “un ineludibile obbligo legale da assolvere necessariamente già in sede di predisposizione dell’offerta economica proprio al fine di garantire la massima trasparenza dell’offerta economica nelle sue varie componenti” ... e … ”non può ritenersi integrabile ex post mediante l’istituto del soccorso istruttivo” in quanto elemento essenziale dell’offerta stessa.

 

Incentivi alle imprese per la realizzazione di interventi in materia di salute e sicurezza sul lavoro
  del 04/01/2017    (protocollo n.2-2017)

L’Inail, in data 15 dicembre 2016, ha pubblicato la nuova edizione del bando ISI 2016, art. 11, comma 5, D.Lgs. 81/2008, che finanzia progetti di intervento per la salute sicurezza sul lavoro.

Nello specifico, tra i progetti finanziabili nella nuova edizione, sono stati inseriti, per la prima volta, i progetti di investimento per l’adozione dei modelli organizzativi di gestione conformi all’art. 30 del D.Lgs. 81/2008, asseverati in conformità alla prassi di riferimento UNI/PdR 22:2016, Linee Guida per l’asseverazione dei modelli organizzativi di gestione nelle aziende dei servizi ambientali territoriali, realizzate in collaborazione tra la Fondazione Rubes Triva e UNI.

Il finanziamento è costituito da un contributo in conto capitale a fondo perduto pari al 65% dei costi sostenuti per la realizzazione del progetto fino ad un massimo di € 130.000,00 (centotrentamila).

La prima fase della procedura del bando ISI 2016 prenderà il via il 19 aprile 2017.